A Cagliari la Sagrada Familia

Un po’ di Barcellona a Cagliari, ma non una parte qualsiasi ma quella più conosciuta della città catalana; no, non parliamo dello stadio della squadra di calcio con i vari Messi e Villa, ma di quella mistica e incompiuta meraviglia che è la Sagrada Familia.
Nella Passeggiata Coperta del bastione di St. Remy è stata allestita la mostra “Gaudì e La Sagrada Familia. Parabola e iperbole dell’architettura”, che è anche la prima presentata in Italia e inaugurata il 20 dicembre.
Rimarrà aperta fino al 19 febbraio, l’ingresso è gratuito, tutti i giorni dalle 9.30 alle 21.
gaudi sagrada famiglia

Sagrada Familia - Barcellona

La cattedrale spagnola iniziata nel 1882 e non ancora ultimata, secondo me non avrà mai un termine dei lavori, è un esempio di come l’arte e la cultura non abbiano confini di nessun genere e anzi sono sinonimi di coesione, visto anche in questo caso l’unione di architetti e ingegneri di tutto il mondo fra cui il nostro giovane professionista di Orani Angelo Ziranu nel seguire i progetti dei lavori.

Il fascino di quest’opera non sta solo nella sua bellezza ma anche come abbiamo appena detto che non è stata ancora portata a termine nonostante siano passati quasi 130 anni dal suo inizio anche se il progetto è ormai sicuramente definitivo.

(Ma allora noi dall’Italia ne potremmo esportare di “monumenti” incompiuti primo fra tutti la mitica Salerno-Reggio Calabria, un icona dell’incompiuta, per non parlare di tutte quelle strutture pubbliche, ospedali per esempio, che non solo non verranno mai ultimate ma che purtroppo non saranno nemmeno mai utilizzate.)

Nonostante la sua non ultimazione la basilica spagnola è stata consacrata da Papa Benedetto XVI il 7 novembre 2010 e quindi è a tutti gli effetti una Chiesa anche se non ancora completata.

Una volta finito il giro della mostra dedicato all’opera di Gaudì, si potrebbe salire nel piano più alto del Bastione di Cagliari e godersi il panorama della città, delle sue costruzioni, dal porto fino al promontorio della Sella del Diavolo.

Se non riuscirete a trovare spazio in questi giorni natalizi per ammirare la mostra ricordatevi che avete tempo fino a febbraio, quindi niente scuse e tutti al bastione, non ve ne pentirete.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...